EXCURSUS: I passi del cammino verso la santità N.1

Lungo i secoli i Santi hanno costituito le bussole spirituali, che hanno orientato l’umanità verso Dio. Essi sono gli autentici innovatori della storia. Con la loro esemplarità umana e spirituale migliorano il mondo, perché lo fecondano beneficamente con la verità e la carità infinita di Dio
(Card. Angelo Amato, prefetto emerito della Congregazione delle Cause dei Santi).

A partire da questo numero di “Excursus” iniziamo un breve percorso di approfondimento sui “passi del cammino verso la santità”, illustrando le varie fasi che portano un fedele ad essere dichiarato ufficialmente santo.

La fama di Santità
La causa di beatificazione e canonizzazione riguarda un fedele cattolico che in vita, in morte e dopo morte ha goduto fama di santità o di martirio o di offerta della vita.

Per l’inizio di un processo di beatificazione è quindi sempre necessaria una certa “fama di santità” della persona, ovvero l’opinione comune della gente secondo cui la sua vita è stata integra, ricca di virtù cristiane. Questa fama deve durare e può ingrandirsi. Quelli che hanno conosciuto la persona parlano dell’esemplarità della sua vita, della sua influenza positiva, della sua fecondità apostolica, della sua morte edificante.

La canonizzazione è solo l’ultimo gradino di una scala che ne presuppone altri: il candidato, per diventare ufficialmente santo, deve essere prima servo di Dio, poi venerabile, poi beato.

Nel prossimo numero presenteremo la “Fase Diocesana” del processo di Beatificazione e canonizzazione.

Fonte: www.causesanti.va

Vai al N. 2 >>>

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail